Crea sito

Lo Spiraglio al Lido

Come tutti gli anni, Lo Spiraglio avrà una sua prosecuzione autunnale al Teatro del Lido di Ostia con la sezione del Festival dedicata ai cortometraggi e ai lavori visuali provenienti dai laboratori dei progetti di riabilitazione dei Centri Diurni dei Dipartimenti di Salute Mentale e di altre istituzioni, pubbliche e private. I film in concorso vengono selezionati tra tutti quelli inviati per il bando annuale de Lo Spiraglio e votati da una giuria qualificata di cui fanno parte utenti dei servizi. Eravamo partiti con l’intento di assicurare una platea più ampia ai lavori prodotti con la partecipazione dei pazienti nell’idea che non sempre avessero le qualità formali ed estetiche per partecipare ad un festival del cinema. Nel corso degli anni ci siamo trovati invece  di fronte a materiale sempre più ricco sia per capacità espressiva e realizzativa che per creatività, in grado spesso di confrontarsi con produzioni ben più professionali e ricche. Questo ha conferito a Lo Spiraglio al Lido un carattere di vero e proprio laboratorio dei laboratori, un luogo di convergenza ed incontro annuale per operatori, utenti, familiari e pubblico coinvolti nel mondo della Salute Mentale in cui è possibile apprezzare e godere della vitalità che i luoghi della cura sono ancora in grado di proporre a una società sempre più disattenta e talora indifferente al dolore e alla sofferenza, anche psichica. Non crediamo che le attività che vedono coinvolti coloro che quei luoghi frequentano siano marginali rispetto ad altri momenti terapeutici, puro intrattenimento per uomini e donne sofferenti, complemento a farmaci e psicoterapie visti come il centro dell’efficacia clinica, magari misurabile e quantificabile. Al contrario, siamo fermamente convinti che una Salute Mentale che non dia spazio alle relazioni e permetta alle persone di riconoscere e far conoscere la propria complessità sia destinata al fallimento, non solo nelle finalità curative ma anche nella finalità di reintegrarle e restituirle ad esistenze piene e sane. Non c’è terapia nel produrre film e cortometraggi se non l’occasione per narrare esistenze alle prese con le emozioni, le gioie, i dolori che si accompagnano alla vita: è l’essenza stessa del cinema. Che si adotti il linguaggio del sorriso o quello documentario, quello del racconto drammatico o della commedia, tutti coloro che si cimentano con la cinematografia arrichiscono, per sé e per il pubblico, la gamma delle esperienze possibili e le rendono comunicabili e condivisibili. I film che vengono proiettati a Lo Spiraglio al Lido rappresentano bene questa capacità di resistere alle intemperie di tempi duri con spirito e senza avvilimenti, con le loro specifiche qualità artistiche e le soluzioni espressive prescelte dagli autori.

 

Antonello d’Elia